Ricordo del Rag. Pino Schipa, Cavaliere della Repubblica

In primo piano

PINO SCHIPA foto copyright ARCHIVIO STELLA SCHIPA e GIANNI CARLUCCIO (1)

Pino Schipa.

PINO SCHIPA foto copyright ARCHIVIO STELLA SCHIPA e GIANNI CARLUCCIO (2)

CARO PAPA’

E’ passato già un anno da quando mi hai lasciata,
ma la tristezza non mi ha mai abbandonata.

Ogni giorno che passa ti penso intensamente
e chiedo aiuto a te, costantemente.

Mi manchi … come quando ero bambina
e andavamo allo stadio, lì, sulla panchina;

Ricordo poi quand’ era carnevale
e mi portavi in villa a festeggiare;

o con i compiti di storia, ore a studiare …
e tu paziente mi aiutavi a ripassare.

Per non parlare dell’ atteso circo Orfei …
la foto con la scimmia … io, tu … e lei!

In quei momenti non ci davo troppa importanza,
ma ora, anche se son grande, ne sento la mancanza.

Poi sono cresciuta e volevo indipendenza …
e mi hai trovato casa … a un metro di distanza.

Troppo uguali io e te, non ci siamo sempre capiti,
ma con il tempo ci siamo poi chiariti

e il nostro rapporto è diventato sempre più forte
e ci confidavamo cose dritte o andate storte.

Sei stato alle mie spalle in ogni situazione,
ma con rispetto delle scelte e grande discrezione.

Mi hai poi accompagnata all’ altare
e giorno più bello non poteva capitare.

Ora che non ti posso più abbracciare
Sento un gran vuoto che non so colmare.

Cerco di andare avanti, sapendo che ci sei,
che da lassù nel cielo non mi lasci mai

e so che vegli pure sulla piccola Azzurrina,
tua amata e coccolata nipotina.

Lei che non sapeva dire “nonno peppu” ancora
e che adesso non le manca la parola.

Proteggici dal cielo, ne abbiamo un gran bisogno,
ora che possiamo abbracciarti solo dentro a un sogno.

Aiutami a scacciare il ricordo di quei giorni,
quando ti spegnevi nel buio dei tuoi affanni.

Voglio ricordare quand’ eri sorridente,
mentre raccontavi barzellette a tanta gente,

a tutte le persone che nella vita ti hanno stimato,
e sono state tante, lo hai sempre meritato!

Ora ti voglio urlare ancora un “Grazie”, mio splendido papà,
affinché si possa udire fin nell’ aldilà.
Stella
Lecce, 15 giugno 2016

PINO SCHIPA foto copyright ARCHIVIO STELLA SCHIPA e GIANNI CARLUCCIO (3)

Ciao zio Pino.PINO SCHIPA foto copyright ARCHIVIO STELLA SCHIPA e GIANNI CARLUCCIO (4)

Pino Schipa.

PINO SCHIPA foto copyright ARCHIVIO STELLA SCHIPA e GIANNI CARLUCCIO (5)

Stella per l’adorato papà e Gianni per l’adorato zio.

* Tutte le immagini appartengono all’Archivio di Gianni Carluccio e Stella Schipa  e ne è vietato l’utilizzo senza il loro consenso.

Continua a leggere

Pagliari Salentini

In primo piano

Ai cari amici

Prof. Francesco D’Andria

e Prof. Antonio Costantini

Presicce, Il Pagliarone più bello del Salento (1802 ?).

“Pagliari Salentini” è un tema affascinante che ho sviluppato su suggerimento dell’amico Francesco D’Andria, Professore Emerito dell’Università del Salento, impegnato negli scavi di Acquarica di Lecce, dove sono emerse le tracce di un antico pagliaro nel fondo “Pozzo seccato”, in una zona particolarmente ricca di questi monumenti della civiltà della pietra, lungamente studiata dal caro amico Prof. Antonio Costantini. Propongo qui di seguito un centinaio di immagini di “pagliari salentini”, tra le oltre mille presenti nel mio archivio. Tra i pagliari più antichi quelli di S. Donato (1550), Trepuzzi (1583) e Lizzanello (1663); numerosissimi e spesso molto eleganti sono i pagliari costruiti nell’800; a Galugnano ne è stato individuato uno dov’è scritto che il “pagliaro” è stato fabbricato nel 1851.

* Oltre agli amici segnalati nel testo che segue, devo ringraziare particolarmente per alcune informazioni i miei cari alunni: Ludovico Maggio (1D Informatica dell’I.I.S.S. “E. FERMI” di Lecce) di Lecce, per la segnalazione del bellissimo pagliaro ottocentesco situato nel Comune di Lecce (nei pressi della Masseria La Lizza) e soprattutto Santino Cafaro (S.C. nelle didascalie) (1A Areonautica dell’I.I.S.S. “E. FERMI” di Lecce) di San Donato, per avermi segnalato una serie incredibile di interessantissimi pagliari presenti tra San Donato e Galugnano, tra questi, durante alcuni sopralluoghi con il mio bravissimo alunno, ho individuato forse il pagliaro con la datazione più antica: “1550”.

PAGLIARI SALENTINI, foto copyright ING. GIANNI CARLUCCIO (68)

San Donato, uno dei più antichi pagliari  (1550).PAGLIARI SALENTINI, foto copyright ING. GIANNI CARLUCCIO (87)Acaja (Vernole), Pagliarone detto “Il Bello” (1822).

M. MAINARDI, IL TURISMO AMBIENTALE, ED. DEL GRIFO 1992 - DED. A GIANNI CARLUCCIO

Il disegno dello stesso Pagliarone ad opera dell’amico Antonio Monte, nell’ambito di una interessante pubblicazione che l’amico Michele Mainardi ha voluto dedicarmi (dopo 24 anni…), al termine di una bella passeggiata nella Valle dell’Idro.

PAGLIARI SALENTINI, foto copyright ING. GIANNI CARLUCCIO (41)Melendugno, Pagliarone (1833).

PAGLIARI SALENTINI, foto copyright ING. GIANNI CARLUCCIO (12)

Galugnano, Pagliaro (1859).

PAGLIARI SALENTINI, foto copyright ING. GIANNI CARLUCCIO (30)

Lecce, Pagliarone nei pressi della Masseria Lizza (1871).

PAGLIARI SALENTINI, foto copyright ING. GIANNI CARLUCCIO (48)

Melendugno, in ricordo di Adriana…PAGLIARI, MELENDUGNO copyright ING. GIANNI CARLUCCIO (3)

Ringrazio per la segnalazione di questo bellissimo complesso di tre pagliari, sito nei pressi della Chiesa di San Niceta a Melendugno) gli amici Dott. Lorenzo Capone ed il Sig. Lillino Baldassarre.

* Tutte le immagini appartengono all’Archivio dell’Ing. Gianni Carluccio e ne è vietato l’utilizzo senza il consenso dell’Autore.

Continua a leggere

Weekend a Matera e Provincia: Craco, Aliano, Montescaglioso, Irsina

In primo piano

MATERA e PROVINCIA, foto copyright ING. GIANNI CARLUCCIO (1)

Craco, il borgo abbandonato.

MATERA e PROVINCIA, foto copyright ING. GIANNI CARLUCCIO (2)

Aliano, busto di Carlo Levi.

MATERA e PROVINCIA, foto copyright ING. GIANNI CARLUCCIO (3)

Montescaglioso, abbazia benedettina di San Michele Arcangelo.

MATERA e PROVINCIA, foto copyright ING. GIANNI CARLUCCIO (4)

Matera, ingresso alla Cripta del Peccato Originale.

MATERA e PROVINCIA, foto copyright ING. GIANNI CARLUCCIO (5)

Matera by night.

MATERA e PROVINCIA, foto copyright ING. GIANNI CARLUCCIO (6)

Matera, Grotta dei Pipistrelli.

MATERA e PROVINCIA, foto copyright ING. GIANNI CARLUCCIO (7)

Gravina di Matera, Ophrys mateolana.

MATERA e PROVINCIA, foto copyright ING. GIANNI CARLUCCIO (8)

Matera, Chiesa rupestre del “Cappuccino vecchio”, guidati dal Prof. Cataldo Di Pede.

MATERA e PROVINCIA, foto copyright ING. GIANNI CARLUCCIO (10)

Statua in marmo dipinta di S. Eufemia, opera di Andrea Mantegna (1454).

CRACO-ALIANO-MONTESCAGLIOSO-MATERA-IRSINA foto copyright ING. GIANNI CARLUCCIO (92)

Irsina, Falco grillaio nel nido.

* Tutte le immagini appartengono all’Archivio dell’Ing. Gianni Carluccio e ne è vietato l’utilizzo senza il consenso dell’Autore.

Continua a leggere

Matera, Venerdì Santo in Cattedrale e l’incontro con il regista Luigi Di Gianni nel Salento

In primo piano

MATERA, 25.3.2016 copyright ING. GIANNI CARLUCCIO (12)

La Cattedrale di Matera risalente al 1270.

MATERA, 25.3.2016 copyright ING. GIANNI CARLUCCIO (16)

L’interno della Cattedrale di Matera.

LUIGI DI GIANNI e MATERA 1974-2005 - LA da MALATTIA DELL'ARCOBALENO di S. DEL GROSSO, 2006 - ARCHIVIO CARLUCCIO (4)

Il Regista Maestro Luigi Di Gianni a Matera nel 2005 per girare il Film di Simone Del Grosso: “La malattia dell’arcobaleno. Appunti sul cinema di Luigi Di Gianni”, 2006.

RUFFANO 9.4.2016, LUIGI DI GIANNI - foto copyright Ing. Gianni CARLUCCIO (2)

L’Ing. Gianni Carluccio tra il Maestro Luigi Di Gianni e la Prof.ssa Eva Immediato (Ruffano, Lecce 9.4.2016, foto di Alessandro Turco).

RUFFANO 9.4.2016, LUIGI DI GIANNI - foto copyright Ing. Gianni CARLUCCIO (1)

RAITRE, MESSAPI, 7.2.1986 - DOC. L. DI GIANNI 1985 con D'ANDRIA, PAGLIARA, CARLUCCIO - copyright ARCHIVIO CARLUCCIO (3)

* Tutte le immagini appartengono all’Archivio dell’Ing. Gianni Carluccio e ne è vietato l’utilizzo senza il consenso dell’Autore.

Continua a leggere

Il Museo della Maiolica di Laterza (MUMA)

In primo piano

A Ida

LATERZA, MUMA foto copyright ING. GIANNI CARLUCCIO (1)

Alzata smaltata bicroma raffigurante una figura vescovile (Laterza, XVII-XVIII sec.).

LATERZA, MUMA foto copyright ING. GIANNI CARLUCCIO (2)

Una vetrina del Museo, con una serie di anfore biansate, allestita in una sala del Palazzo Marchesale (2015).

LATERZA, MUMA foto copyright ING. GIANNI CARLUCCIO (3)

Laterza, Palazzo Marchesale (25.3.2016).

LATERZA, MUMA foto copyright ING. GIANNI CARLUCCIO (4)
LATERZA, MUMA foto copyright ING. GIANNI CARLUCCIO (5)Gianni e Ida presso il bookshop del Museo; al centro i componenti della Cooperativa “Chiave di Volta”: Dott.ssa Domenica Bellini, Restauratrice Laura Galante e Dott. Nicola Zilio (Amministratore Unico). 
LATERZA, MUMA foto copyright ING. GIANNI CARLUCCIO (7)

L’affascinante Gravina di Laterza fotografata l’1.5.2005.LATERZA, MUMA foto copyright ING. GIANNI CARLUCCIO (8)

La Gravina di Laterza nei pressi del paese con il campanile della Chiesa di S. Lorenzo (1.5.2005).

LATERZA, MUMA foto copyright ING. GIANNI CARLUCCIO (6)

Il campanile della Chiesa di S. Lorenzo con in primo piano il rilievo dell’Ecce Homo, fotografato nel giorno del Venerdì Santo (25.3.2016).

* Tutte le immagini appartengono all’Archivio dell’Ing. Gianni Carluccio e ne è vietato l’utilizzo senza il consenso dell’Autore.

Continua a leggere

Antonio De Ferrariis “Galateo”. Sulle tracce della Villa di Trepuzzi e dell’iscrizione messapica da Vaste

* Al caro amico

Vittorio Zacchino

ed in memoria di mia madre,

Dott. Silvana Schipa,

nel giorno del suo onomastico

MEDAGLIA GALATEO, copyright VITTORIO ZACCHINO - ARCHIVIO CARLUCCIO

Medaglia commemorativa del Galateo, coniata in occasione della Cittadinanza Onoraria avuta a Napoli nel 1510, conservata presso i Musei Civici di Brescia (cortesia Prof. Vittorio Zacchino, copyright).

GALATEO, MODELLO PER UNA MEDAGLIA, 1540 ca

MEDAGLIA GALATEO, METROPOLITAN

Antonio De Ferrariis detto “Il Galateo”, “modello per una medaglia commemorativa, 1540 circa” (?) (New York, Metropolitan Museum of Art).

GALATEO, MEDAGLIA - SFONDO BLU

La stessa medaglia commemorativa in vendita in Francia a Lille.

MEDAGLIA GALATEO BRESCIA (VACCA, RIN. SAL. 1943)

Un esemplare della medaglia conservato nel Museo di Brescia. Dal fascicolo di Rinascenza Salentina (Organo della R. Deputazione di Storia Patria per le Puglie), contenente l’art. di Nicola Vacca, “Noterelle Galateane”, A.XI, N.4, 1943.

MEDAGLIA GALATEO (da V. ZACCHINO)

Copia della medaglia del Galateo avuta dal Prof. Vittorio Zacchino.

RITRATTO DEL GALATEO, FIRENZE 1710 - ARCHIVIO CARLUCCIO

Ritratto del Galateo dal De Angelis, “Vite dei Letterati Salentini”, Firenze 1710.

GALATONE, CASA NATALE GALATEO, copyright ING. GIANNI CARLUCCIO (1)

Galatone (Lecce).

GALATONE, CASA NATALE GALATEO, copyright ING. GIANNI CARLUCCIO (2)

Galatone, Santuario SS. Crocifisso (XVIII sec.).

GALATONE, LA CASA NATALE DEL GALATEO - ARCHIVIO CARLUCCIO

La casa natale del Galateo a Galatone (Lecce), da Giuseppe Gigli, Il Tallone d’Italia, Lecce e Dintorni, Bergamo 1911, Foto Lazzaretti.

* Tutte le immagini appartengono all’Archivio dell’Ing. Gianni Carluccio e ne è vietato l’utilizzo senza il consenso dell’Autore.

Continua a leggere

VASTE, 19.12.2015 INAUGURAZIONE MUSEO DELLA CIVILTA’ MESSAPICA

In primo piano

Grazie al bravissimo fotografo Paolo Laku ed al sito di Repubblica.it, abbiamo un bellissimo ricordo dell’inaugurazione del Museo di Vaste nel "selfie" del Governatore della Puglia Dott. Michele Emiliano. Sono le 17.30 di Sabato 19 Dicembre 2015.

Vaste (Lecce). Inaugurazione del Museo della Civiltà Messapica, Sabato 19 Dicembre 2015. Il Sindaco di Poggiardo Dott. Giuseppe Colafati.

 

QUESTO PER ME E’ IL PIU’ BEL REGALO DI NATALE !

GRAZIE AL SINDACO GIUSEPPE COLAFATI, A TUTTI GLI AMMINISTRATORI E CONSIGLIERI COMUNALI.

 

 

* Tutte le immagini appartengono all’Archivio dell’Ing. Gianni Carluccio e ne è vietato l’utilizzo senza il consenso dell’Autore.

Continua a leggere

Elena, Tecnico di Restauro in Beni Culturali. I.V.B.C. Venezia 3.7.2015

In primo piano

Elena, già Laureata in Storia dell’Arte, ha conseguito oggi, presso il prestigioso Istituto Veneto per i Beni Culturali, il Diploma di tecnico del Restauro in Beni Culturali. Auguri Elena.

Venezia, 3 Luglio 2015

 

* Tutte le immagini appartengono all’Archivio dell’Ing. Gianni Carluccio e ne è vietato l’utilizzo senza il consenso dell’Autore.

Continua a leggere

Addio a Tonino Cassiano

In primo piano

Tonino Cassiano fotografato da Gianni Carluccio. Lecce, Museo Provinciale (22.12.2011).

Tonino Cassiano (14.7.2012).

Lecce, Museo Provinciale. Tonino Cassiano con l’amico Gianni Carluccio posano vicino alla Cariatide di Vaste (22.12.2011).

Lecce, Museo Provinciale. Da sin. Ida Blattmann D’Amelj, Anna Lucia Tempesta, Tonino Cassiano, Brizia Minerva, Regina Poso e Gianni Carluccio (22.12.2011).

Campi Salentina, Città del libro. Tonino Cassiano con gli amici Gianni Carluccio e Ida Blattmann D’Amelj (28.11.2010).

 

Oggi 1 Luglio 2015, qualche giorno prima del compimento dei 70 anni, l’amico carissimo Tonino Cassiano, che conoscevo da 40 anni, ci ha lasciato e con lui si è improvvisamente fermato il motore della Cultura Salentina. 

Addio Tonino ! Gianni Carluccio

Qui di seguito il mio ricordo fotografico.

* Tutte le immagini appartengono all’Archivio dell’Ing. Gianni Carluccio e ne è vietato l’utilizzo senza il consenso dell’Autore.

Continua a leggere

Kalos, un giorno nella storia

In primo piano

 

Visita Guidata dell’I.I.S.S. "E. Fermi" di Lecce, da me fortemente voluta…, a Kalos, il più grande Parco di Archeologia Sperimentale d’Italia, realizzato e diretto dal Dott. Alessandro Quarta, Archeologo.

 

* Tutte le immagini appartengono all’Archivio dell’Ing. Gianni Carluccio e ne è vietato l’utilizzo senza il consenso dell’Autore.

Continua a leggere