Torre Guaceto, il fascino della palude

 

Torre Guaceto (BR) è Riserva Naturale dello Stato e Area Marina Protetta, nonché Oasi del WWF-Italia.

* Le foto sono state scattate nei giorni 11 e 12 Aprile 2015 dall’Ing. Gianni Carluccio, già Vice-Responsabile dell’Oasi del WWF "Le Cesine" (Lecce).

 

* Tutte le immagini appartengono all’Archivio dell’Ing. Gianni Carluccio e ne è vietato l’utilizzo senza il consenso dell’Autore.

* Le foto che seguono sono state scattate Sabato 11 Aprile 2015, nel pomeriggio (foto copyright Ing. Gianni Carluccio).

Torre Guaceto vista da un ponte della superstrada Bari-Brindisi.

Torre Guaceto (Brindisi).

Torre Guaceto, la piccola zona umida a ridosso del Canale Reale costituita grazie ad un Progetto dell’Arch. Fulvio Rizzo (2006).

Un cartello segnala, a chi percorre la superstrada Brindisi – Bari, la presenza del "Canale Reale" (foto di Ida Blattmann D’Amelj).

Torre Guaceto vista dalla superstrada Brindisi – Bari (foto Ida Blattmann D’Amelj).

La zona paludosa a sud di Torre Guaceto, oggetto delle osservazioni ornitologiche, vista dalla superstrada Brindisi – Bari (foto Ida Blattmann D’Amelj).

L’accesso, dal sottopasso della superstrada Bari – Brindisi, alla zona umida a sud di Torre Guaceto.

L’area naturalistica, con un capanno per le osservazioni degli uccelli.

La magnifica vista dal capanno.

Folaghe.

Una Folaga.

Marzaiole, Cavalieri d’Italia e Folaghe sostano in gran numero.

Le coloratissime Marzaiole si riposano durante la migrazione primaverile.

C’è cibo per tutti…

Una Marzaiola.

Un Beccaccino (ringrazio per le classificazioni dei limicoli il caro amico Dott. Cosimo D’Andria).

Due immagini di una pantana.

Un Corriere piccolo.

La strada campestre che conduce a Torre Regina Giovanna, in una zona dove si possono avvistare numerosi falchi.

Un Falco nei pressi della Torre Regina Giovanna, si tratta forse di un Falco di Palude.

 

* Le foto che seguono sono state scattate domenica 12 aprile 2015, nella tarda mattinata (copyright Ing. Gianni Carluccio).

Oggi la piacevole presenza di tre rare Spatole, che non erano presenti nel pomeriggio del giorno precedente.

Una Garzetta in volo si va poi a riposare nel canneto.

Spatole, Marzaiole ed un Cavaliere d’Italia.

Un Falco di palude si alza in volo e semina lo scompiglio fra folaghe e anatre (Marzaiole e Germani reali).

Ed ora alcune immagini tratte da alcune brevi sequenze filmate (copyright Ing. Gianni Carluccio).

Dopo un primo attacco il Falco di palude si va a posare nel canneto, aspettando il momento propizio per un altro agguato…

Foto di Lunedì 4 Maggio 2015

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*