Passeggiata nei pressi del fiume Idume (Lecce)

Approfittando della prima vera giornata primaverile ho deciso di ritornare, dopo 25 anni, in una zona definita "Le macchie dei Rizzi", che fa parte integrante di una Zona Umida, quella del Fiume Idume, il più importante corso d’acqua del Salento, nei pressi della Marina di Torre Chianca (nel territorio comunale di Lecce). Non sono mancate affascinanti sorprese…

Gianni Carluccio, 28 Aprile 2012

* Tutte le foto sono dell’Ing. Gianni Carluccio e sono coperte da copyright

Questi riportati nella foto satellitare i luoghi. Con l’asterisco giallo ho indicato i luoghi di osservazione nei quali sono state effettuate le foto.

Il cartello dell’Azienda Faunistico-Venatoria.

 Gialle Ginestre selvatiche si presentano per prime ai miei occhi.

Immersa in una delle più interessanti macchie del Salento, scorgiamo una parte della zona umida corrispondente al ramo meridionale del Fiume Idume, oggetto dell’escursione. Seguono alcune immagini relative al punto di osservazione più meridionale.

Tre incredibili immagini ci raccontano di una ragnatela ricoperta di leggerissimi elementi vegetali.

Nei pressi della ragnatela scorgo alcune delle orchidee selvatiche più belle e più rare del Salento:

l’Orchidea palustre

… e la "Anacamptis pyramidalis".

(per una classificazione con immagini a colori di tutte le orchidee selvatiche del Salento vedi: Gianni Carluccio, Archeologia e Ambiente in AA.VV. Salento Meraviglioso, Edizioni del Grifo, Lecce 2003; inserto "Le orchidee" a cura di Piero Medagli e Livio Ruggiero).

Sul cisto rosa colpisce l’attenzione un piccolo e coloratissimo ragnetto.

Da lontano, con l’aiuto del teleobiettivo, scorgo un mignattaio, alcuni rarissimi aironi bianchi, un gruppo di garzette in volo ed un’anatra. Cerco di avvicinarmi, con circospezione, cercando di non disturbare gli uccelli.

All’improvviso gli aironi e le numerose garzette si alzano in volo per la presenza di un enorme falco, che le spaventa.

Sempre con il teleobiettivo riprendo un gruppo di limicoli.

… ed ecco il maestoso Falco di Palude, che vola maestoso in cerca di altre prede …

… infine una puntata nei pressi di un piccolo bacino che l’Idume forma prima di sfociare nell’Adriatico, nei pressi della spiaggia di Torre Chianca, dove mi aspettano in un’acqua limpidissima e fredda due graziose "paperotte" inseguite da un bimbo.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*