TITO SCHIPA E IL TANGO, EL GAUCHO E LA PRINCIPESSA LIANA

Il 78 giri del famoso tango “El Gaucho” di Tito Schipa (Coll. Ing. Gianni Carluccio, copyright).

Colgo l’occasione della Conferenza: “Tito Schipa e il Tango”, alla quale parteciperò con l’amico Eraldo Martucci, per presentare alcune foto, insieme a spartiti e dischi dell’Archivio Schipa-Carluccio.

Tito Schipa balla il tango “El Gaucho” con sua figlia tredicenne Elena (San Francisco Examiner, 13 Novembre 1935; foto copyright ARCHIVIO SCHIPA-CARLUCCIO). 

* “El Gaucho” bellissimo tango composto da Tito Schipa e inciso nel 1928 a New York, era inserito alla fine del 2° atto della sua famosa Operetta “La Principessa Liana”.

* Tutte le immagini appartengono all’Archivio dell’Ing. Gianni Carluccio e ne è vietata la riproduzione senza il consenso dell’autore.

Lo spartito originale del tango “El Gaucho” composto da Tito Schipa (Ed. Forster, Chicago 1928) ed inciso l’11 Settembre 1928 a New York / Camden. Nella dedica a stampa è scritto: “To My Dear Friend Douglas Fairbanks“. In una nota del Volume “Schipa. Tito Schipa: A biography by Tito Schipa Jr.”, Baskerville, U.S.A. 1996, p. 335, è scritto: “Schipa wrote this song for the film The Gaucho, a 1927 Douglas Fairbanks feature produced by the Elton Corp. and released through United Artists“. Copyright Archivio Schipa – Carluccio.

* Ringrazio il Maestro Tito Schipa Jr. per avermi fornito tempestivamente copia di questo importante spartito originale del tango composto da Tito Schipa.

Un manifesto del Film El Gaucho interpretato da Douglas Fairbanks nel 1927 – Archivio Schipa – Carluccio.

Douglas Fairbanks con Lupe Vélez  sul set del film El Gaucho, 1927 – Archivio Schipa – Carluccio.

Pubblicità al Film El Gaucho in Italia (12 Marzo 1928), Coll. Ing. Gianni Carluccio, copyright.

Douglas Fairbanks con la moglie Mary Pickford, Coll. Ing. Gianni Carluccio, copyright.

Un regalo in argento da Mary Pickford per Liana Schipa in occasione della sua nascita (1.6.1929). Coll. Tito Schipa Jr., copyright.

Tito Schipa e Carlo Schipa con Mary Pickford, che ha in braccio la piccola Elena Schipa. Sul set del film “Little Annie Rooney” (1925). Coll. Ing. Gianni Carluccio, dono Dott.ssa Silvana Schipa, copyright.

Tito Schipa con alla sua destra la moglie francese Lily Michel e l’amico Douglas Fairbanks. Parigi 24.11.1931, in occasione del conferimento a Tito Schipa della Croce di Cavaliere della Legion d’Onore, Archivio Schipa – Carluccio, copyright.

Lo spartito del Tango “El Gaucho” di Tito Schipa, Ed. Curci 1943 (Coll. Ing. Gianni Carluccio, copyright).

Testo originale in Spagnolo del tango “El Gaucho” di Tito Schipa e traduzione in Italiano a cura di Gianni Carluccio (copyright).

* Il brano racconta il dolore sofferto da un gaucho innamorato per il tradimento della sua amata, alla quale dice che l’uomo del quale è innamorata è un ladrone, mentre i gauchos come lui sono uomini d’onore! (G.C.).

Il Giornale d’Italia del 30.5.1935 annuncia la recita de “La Principessa Liana” di tito Schipa a Lecce, martedì 5 Giugno 1935. Archivio Prof. Renzo D’Andrea, copyright Archivio Schipa-Carluccio.

La locandina della recita leccese de “La Principessa Liana” (5.6.1935) (copyright ARCHIVIO SCHIPA-CARLUCCIO).

La locandina relativa alla rappresentazione leccese del 6 Giugno 1935 de La Principessa Liana. Da notare la dicitura: “al 2. atto il Gr. Uff. TITO SCHIPA canterà il Refrain del Tango”, in riferimento al tango “El Gaucho”.

* Per gentile concessione del caro amico Dott. Aduino Sabato e delle Edizioni Grifo, che hanno pubblicato questa preziosa locandina nell’ambito del Volume di Aduino Sabato: “Salento Illustrato”, Ed. Grifo, Lecce 2012.

LA PRINCIPESSA LIANA
Operetta di Tito Schipa, 1929.

* Sintesi dal libretto originario a cura dell’Ing. Gianni Carluccio, Responsabile Archivio Tito Schipa, copyright.

 

 

ATTO I – Nel salone del Castello della Principessa Liana, nei dintorni di Roma.

 

Il banchiere Pilade Reali ha messo in vendita la residenza del defunto Principe Disposti, padre di Liana e tre persone si interessano all’avvenire della giovane Principessa Liana: l’ingegnere Wilfredo, figlio del banchiere, fortemente innamorato di Liana; la zia Clotilde, vecchia baronessa ed ex ballerina del varietà, che vuole condurla a tentare la fortuna al Casinò di Montecarlo e Zozò, che invece vuole lanciarla come cavallerizza nel suo circo. Liana, per vari motivi, rifiuta le offerte di Wilfredo e Zozò e si reca a Montecarlo con la zia. In scena compaiono anche “Scarabeo d’oro”, giovane mondana, già amante di Wilfredo e Lulù, cameriera di Liana, in cerca di marito. Mentre liana lascia il suo palazzo, il coro canta: “Addio gentil principessa; non disperate: il sol tornerà”.

ATTO II – In una sala del Casinò di Montecarlo.

 

La baronessa Clotilde, che ha ideato un metodo di gioco alla roulette, vince mezzo milione e poi si imbatte nel sedicente Principe russo Orloff, che corteggia Liana e si spaccia per suo fidanzato. Ma Wilfredo ritenta con Liana, che finalmente cede al suo amore e canta felice: “Una canzone alla vita il cuore mio vuol cantare. L’anima vuol sognare gioie, palpiti, felicità!”. Nel frattempo Scarabeo d’oro, d’accordo con il banchiere Reali, ordisce una trama a sfavore dei due innamorati, facendo pubblicare una loro foto sull’Illustrazione di Montecarlo, con un falso commento da parte di Wilfredo. Liana quindi lo respinge nuovamente, mentre il padre lo disereda e annuncia le sue nozze con Lulù. Zozò intanto approfitta dei tranelli ai danni di Liana e di sua zia per scritturarle nel suo Circo equestre: la prima come cavallerizza e l’altra come danzatrice grottesca. Liana allora canta: “Un’amazzone da circo?… E perché no?… Tutta la vita è sempre una commedia; e noi siamo dei fantocci in mano del destino! “.
* Al termine del II atto, Tito Schipa, che dirige la sua Operetta, si volta verso il pubblico e canta il suo tango “El Gaucho”.

 

ATTO III – Nel retroscena di un circo equestre.

Grande aspettativa del pubblico per il debutto della Principessa Liana e della zia, Baronessa Clotilde. L’uscita della ballerina grottesca Clotilde viene sonoramente fischiata, mentre Liana si accinge a entrare in scena con il suo cavallo bianco. Ed ecco che le si avvicina Lulù, che confessa di aver mandato a monte il suo matrimonio con il banchiere e che Wilfredo la ama veramente, tanto che voleva sposarla anche a costo di essere diseredato dal padre. Il campanello suona, Liana entra in scena ed è un trionfo.
Al rientro dalla scena, mentre il pubblico applaude freneticamente, Liana non è sola ma le è a fianco Wilfredo, che la ama. Intanto Scarabeo d’oro confessa la sua trama e spinge il banchiere pentito tra le braccia del figlio Wilfredo e di Liana. Quindi Liana e Wilfredo si dirigono verso l’antico maniero, nella ridente campagna romana e Liana canta: “O mio palazzo avito sognante in mezzo ai fior, ritorna, a te rapito, il sogno mio d’amor. Ora sarai più bello; tu chiuderai un tesor. Ecco, ti porto quello che mi ha rubato il cuor. O mia stanzetta adorata a te, felice, ritornerò”.

Una bella immagine relativa alla rappresentazione leccese dell’Operetta di Tito Schipa: “La Principessa Liana” (Lecce, Teatro Politeama Greco, 5.6.1935, copyright ARCHIVIO SCHIPA-CARLUCCIO).

Un articolo della stampa riporta il successo dell’Operetta: “La Principessa Liana” di Tito Schipa (copyright ARCHIVIO SCHIPA-CARLUCCIO).

Tito Schipa dirige la sua celebre Operetta: “La Principessa Liana”. Roma, Studi E.I.A.R., Lunedì 13 Giugno 1938, ore 21 (copyright Archivio Schipa-Carluccio).

Lo stralcio del Radiocorriere del Giugno 1938 (n. 24, p. 10), che riporta la notizia della messa in onda dell’Operetta di Tito Schipa, La Principessa Liana, sul Primo Programma della Radio, alle ore 21 di Lunedì 13 Giugno 1938 (copyright ARCHIVIO SCHIPA – CARLUCCIO).

* Aggiungo questo importante trafiletto, appena ritrovato, alle ore 1.40 di oggi 20.2.2014 (sarebbe stato l’onomastico di mia madre, Silvana Schipa ed a lei lo dedico).

** Sul mio sito si sono registrate, in quest’ultimo mese, 3.600 presenze; tra le ultime dieci: Regno Unito, Ukraina, U.S.A., Viet-Nam e Germania (G.C.).

Disco a 78 giri de “La Principessa Liana” di Tito Schipa (Coll. Ing. Gianni Carluccio, copyright).

Elenco dei Tanghi scritti o incisi da Tito Schipa (copyright Ing. Gianni Carluccio, Responsabile Archivio Tito Schipa).

Lo spartito del Tango “El Coqueton” (Il vanitoso), composto da Tito Schipa nel 1913 a Buenos Aires e dedicato all’Ing. Tito Ricordi (Coll. Ing. Gianni Carluccio, copyright).

Lo spartito del Tango “Ojos lindos y mentirosos” con parole e musica di Tito Schipa (copyright Archivio Schipa-Carluccio).

Il Volume “Tangologia” dell’amico e collega Giorgio Lala, contiene il capitolo “Tito Schipa e il tango”, elaborato con informazioni e immagini fornite dall’Ing. Gianni Carluccio, Responsabile dell’Archivio Tito Schipa.

L’art. di Eraldo Martucci a 80 anni dalla prima rappresentazione de “La Principessa Liana” (QUOTIDIANO di Lecce, 22 Giugno 2009).

ed ora qualche immagine della bella serata a Palazzo Turrisi con Tito Schipa e il tango…

da sin. Gianni Carluccio, Eraldo Martucci, Gigi Coclite e Sondra Pranzo.

Renato Grilli tra Gianni Carluccio e Sondra Pranzo.

da sin.: Gianni Carluccio, Eraldo Martucci, Sondra Pranzo e Romina Tafuro.

La bella e interessante installazione pittorica di Romina Tafuro, allestita nelle sale di Palazzo Turrisi.

Sondra Pranzo tra Gianni Carluccio ed Eraldo Martucci, al termine della Conferenza.

…ed ora l’atteso momento con la lezione di tango da parte di Sondra Pranzo…..

La Maestra Sondra Pranzo con uno dei più bravi tangheri al mondo… Gianni Carluccio!

*** Giovedì 13 Febbraio 2014 il grande tenore Fabio Armiliato (vedi il suo messaggio sottostante) ha presentato nel corso della storica trasmissione “La Barcaccia” (RAIRadio3 ore 13) alcuni tanghi di Tito Schipa, da lui recentemente incisi (“El Gaucho” e “Ojos lindos y mentirosos”), ringraziando per l’aiuto fornito sia Tito Schipa Jr. che Gianni Carluccio (* la registrazione della trasmissione si può ascoltare sul sito della RAI).

LA PRINCIPESSA LIANA DI TITO SCHIPA, LECCE, T. APOLLO, SABATO 4 AGOSTO 1929. ARCHIVIO SCHIPA-CARLUCCIOLa Principessa Liana di Tito Schipa rappresentata a Lecce, presso il Teatro Apollo,  Sabato 4 Agosto 1929, mentre Tito Schipa era negli Stati Uniti (cortesia Dott. Domenico Dassisti e Avv. Eraldo Martucci, fonte Mostra Cinematografica presso MUST di Lecce, a cura di Antonio Manzo – produzione LedA).

10 pensieri su “TITO SCHIPA E IL TANGO, EL GAUCHO E LA PRINCIPESSA LIANA

  1. Che ballerino provetto Gianni Carluccio….anche ieri a Palazzo Turrisi bravissimo nel presentare le immagini e le foto di Schipa legate al suo repertorio di tanghi!!!

    • Grazie Eraldo, credo sia stata una bella serata… e poi l’emozione del tango El Gaucho… Stupendo.
      Grazie a te e Sondra per l’invito,

      Gianni

  2. Devo dire che la posizione “plastica” denota un passato recente da grande ballerino!!!
    Mi dispiace di non essere stato presente all’evento.
    Sicuramente meritava il tuo intervento…..ma il ballo non me lo dovevo perdere !!!!
    Nico

  3. Grazie Gianni per questo bellissimo articolo sul rapporto tra Tito Schipa e il TANGO. Sto approfondendo l’argomento dello strettissimo rapporto che è esistito proprio tra il melodramma e i suoi interpreti (primi fra tutti il sommo Tito Schipa) e la nascita della Tango Cancion delle origini che è stata sicuramente influenzata dal belcanto che si è magicamente mescolato con il canto della tradizione “criolla”, creando un’alchimia di colori e di suggestioni uniche. Su questo argomento sai anche che sto portando avanti un importante progetto discografico che prevede il recupero proprio di alcune TANGO CANCIONES di Tito Schipa e ti ringrazio quindi infinitamente per le preziosissime informazioni che mi hai fornito e che ho potuto personalmente raccogliere dal tuo straordinario lavoro sul tuo sito.
    Un abbraccione. Fabio

    • Carissimo Fabio,
      ricevere questi elogi da uno dei più grandi tenori della scena lirica mondiale mi riempie di orgoglio e mi ripaga del faticoso impegno “schipiano”. Devo dire che il lavoro tuo e dei tuoi collaboratori sul tango e su alcuni tanghi di Tito Schipa, in particolare, è stato veramente importante e affascinante. Non ti nascondo che ho provato una forte emozione nel sentire in anteprima i brani da te magistralmente cantati e per questo ti ringrazio profondamente. Anche mio cugino Tito Schipa Jr. è rimasto molto favorevolmente impressionato dal tuo lavoro.
      Purtroppo, a causa degli scrutini scolastici, stasera non riesco ad essere a Bari per ascoltare al Petruzzelli la tua dolce e bravissima consorte, Daniela Dessì, che ti prego di salutarmi affettuosamente e di ringraziare per l’invito.

      Un forte abbraccio ed un caro saluto da Lecce
      tuo, Gianni

  4. Caro Gianni,
    grazie per avermi aperto il tuo Archivio e concesso per la mia Tesi di Dottorato alcune immagini di vecchi manifesti e locandine; è grazie a menti illuminate come la tua che le ricerche fatte da studiosi come me possono avere un seguito, per questo non posso fare altro che esserti grata e penso di poterlo dire a nome mio e dell’intera categoria.
    GRAZIE!
    Liliana

    • Cara Liliana,

      è stato un piacere conoscerti. In bocca al lupo per la tua Tesi e per la tua carriera nel campo del Teatro.

      Ing. Gianni Carluccio
      Responsabile Archivio Tito Schipa

  5. Heⅼlo There. I foud ʏour weblog using msn. This is ɑ
    rᥱally neatly written article. І will mɑke suгe to
    bookmar it and comе bɑck to learn moгe
    of your helpful іnformation. Thanks for the post.
    I wіll ԁefinitely return.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*