TITO SCHIPA, 50° anniversario della scomparsa

In primo piano

 

Tito Schipa nel 1918 in un’immagine del fotografo della Casa Reale di Madrid, copyright Archivio Schipa-Carluccio.

Il 16 Dicembre 2015 ricorre il 50° anniversario della scomparsa di Tito Schipa, avvenuta a New York.

Tito Schipa nel Werther in Sud America nel 1919, copyright Archivio Schipa-Carluccio.

Tito Schipa come De Grieux in Manon. Foto Lumiere New York 1922, copyright Archivio Schipa-Carluccio.

Il 28 Febbraio del 1927 a San Francisco, dopo una memorabile recita davanti a 7.000 persone, Tito Schipa viene proclamato dalla critica il più grande cantante al mondo.

Luigi Stefano Cannelli per l’Associazione Culturale "Tito Schipa" nel cinquantesimo della scomparsa dell’Usignolo di Lecce."

 

* Sono programmati una serie di eventi, soprattutto nella sua Città natale, Lecce, che verranno qui di seguito elencati in ordine cronologico.

Inoltre il tenore leccese verrà ricordato a Roma, nell’ambito della Mostra su Caterina Boratto, curata dalla figlia Marina Ceratto con il marito Fabio Sposini; il destino ha voluto che l’inaugurazione della Mostra sia programmata proprio per il 16 Dicembre 2015 (invito e immagini in coda a quest’articolo).

 

* Tutte le immagini appartengono all’Archivio Schipa-Carluccio e ne è vietato l’utilizzo senza il consenso del Responsabile, Ing. Gianni Carluccio.

Continua a leggere

Tito Schipa, “Anema e Core” – donazione Luciana e Vittorio Guadalupi

Giovedì 16 febbraio 2012 al Festival di Sanremo, Gianni Morandi rivolto a Lucio Dalla, che era al pianoforte, diceva: "Grande Lucio, senti: noi adesso stiamo per presentare una delle canzoni napoletane più famose al mondo "Anema e core" (di Salve D’Esposito e Tito Manlio, n.d.r.), portata al successo da Tito Schipa (incisa esattamente il 3 aprile 1950, n.d.r.), cantata in dieci lingue…".

Oggi, 9 Settembre 2012, questo importante disco a 78 giri de "La Voce del Padrone" mi è stato donato personalmente, assieme ad altri due dischi, dalla Sig.ra Luciana Guadalupi, a nome del suo caro padre Vittorio Guadalupi di Brindisi, collezionista ed estimatore di Tito Schipa. La stessa Signora, che tra l’altro è stata allieva di Tito Schipa Jr. al corso dell’Università UPTER di Roma, ha fatto dono di numerosi altri dischi e di un libro all’Archivio Schipa-Carluccio, perché rimanga traccia del ricordo di suo padre nel momento in cui a Lecce finalmente sarà presente il tanto atteso Museo dedicato a Tito Schipa.

Ing. Gianni Carluccio,

Responsabile Archivio Schipa – Carluccio

 

Continua a leggere