Ricordo del Prof. Cosimo Pagliara – “Poesia di un culto antico”

In primo piano

A Lina,
Marco, Andrea e Irene

Il Prof. Cosimo Pagliara con l’amico Ing. Gianni Carluccio; sullo sfondo uno dei calchi delle pareti della Grotta della Poesia Piccola a Rocavecchia, con i graffiti in lingua messapica e latina (Università del Salento, 8 Giugno 2007).

 

Mercoledì 12 Agosto 2015, presso la sua residenza leccese, ci ha lasciato il Prof. Cosimo Pagliara. In tanti hanno espresso un messaggio di cordoglio alla famiglia dell’illustre docente salentino, e sono giunte anche le parole del rettore dell’ateneo leccese, Prof. Vincenzo Zara: “È scomparso purtroppo il Professor Cosimo Pagliara, tra i fondatori del Dipartimento e della Facoltà di Beni culturali della nostra Università. Fu promotore di numerose rilevanti iniziative di ricerca, tra le quali la scoperta della Grotta della Poesia a Roca Vecchia e la scoperta e lo scavo del sito protostorico di Roca, di cui ha diretto per molti anni le indagini archeologiche. L’Università e il territorio devono molto a questo collega docente e abile e appassionato ricercatore, che seppe lavorare collegando proficuamente le strutture accademiche e quelle di altri enti territoriali e di ricerca”.

Io ero profondamente legato all’amico “Mimmo”, che ho conosciuto nel lontano 1964, quando avevo 12 anni! Tantissimi sono i ricordi, che comincio a pubblicare su questo sito. Ciao Mimmo…

Lecce, 12 Agosto 2015
Ing. Gianni Carluccio

L’Ing. Gianni Carluccio con il Prof. Cosimo Pagliara.

Purtroppo è l’ultima foto con il caro Mimmo, fatta nel giorno di una sua importante Relazione al Convegno “Roca nel Mediterraneo, l’età delle prime navigazioni commerciali”, tenuto presso il Castello di Acaya, dove era anche presente la stupenda Mostra: “Roca nel Mediterraneo” (6 Luglio 2013).

 

* Tutte le immagini appartengono all’Archivio dell’Ing. Gianni Carluccio e ne è vietato l’utilizzo senza il consenso dell’Autore.

Continua a leggere

Giuggianello, Premio “Monolite d’Argento” 2013

In primo piano

 

* Tutte le immagini appartengono all’Archivio dell’Ing. Gianni Carluccio e ne è vietata la riproduzione senza il consenso dell’autore.

Continua a leggere

La Via Francigena del Salento

In primo piano

A CAVALLO SULLE ORME DEI PELLEGRINI LUNGO LA VIA FRANCIGENA DEL SALENTO.

Domenica 9 Settembre 2012: da Trepuzzi a Novoli (LECCE). 

* Tutte le immagini appertengono all’Archivio dell’Ing. Gianni Carluccio e ne è vietata la riproduzione senza il consenso dell’autore.

Continua a leggere

Premio “Monolite d’argento”

Rizzo - Carluccio - CapraricaIl Centro di Cultura Sociale e di Ricerche Storiche ed Ambientali (ONLUS) con sede in Giuggianello (LE),  organizzazione non lucrativa riconosciuta dalla Regione Puglia, che si prefigge quale scopo fondamentale la valorizzazione e il recupero dei beni archeologici e ambientali, nonché delle tradizioni e della storia locale, organizza anche quest’anno la quinta edizione del premio “Monolite d’Argento”.

L’Associazione è solita avviare attività culturali tese ad individuare e premiare personalità che si sono distinte per la loro eccellente carriera svolta nei vari campi della cultura e del sapere. Ha pertanto, da dieci anni, posto in essere il premio “Monolite d’argento” con cadenza biennale. Continua a leggere

Il “Monolite di Giuggianello” o “Masso della Vecchia” di Gianni Carluccio

Una singolare attrattiva per storici e naturalisti è rappresentata  dalla zona del cosiddetto "Masso della Vecchia", nel territorio del Comune di Giuggianello, dove la conformazione di alcuni massi di calcare ha fatto nascere una leggenda, tramandataci da Aristotele, legata al mito di Ercole ed all’origine delle acque sulfuree di S. Cesarea Terme. Il toponimo (v. tavoletta I.G.M.I., F.214, II NE, Muro Leccese)  indica un grande masso a forma di fuso ("furticiddu ") poggiante su un basamento roccioso, che si trova sul punto più elevato della serra di Giuggianello; su questo pianoro si notano inoltre vari massi dalle forme arrotondate. Si tratta indubbiamente di un fenomeno di erosione dovuto alla diversa consistenza del banco roccioso ivi presente, ma certamente questo luogo interessò gli antichi fin dalla preistoria.

 

Continua a leggere