Lecce, Basilica del Rosario. Dagli Angeli di Carmelo Bene al Galateo, da Tito Schipa al Concerto Musicale di Poggiardo – Vaste

In primo piano

ANGELI DI CARMELO BENE copyright ING. GIANNI CARLUCCIO (1)ANGELI DI CARMELO BENE copyright ING. GIANNI CARLUCCIO (2)ANGELI DI CARMELO BENE copyright ING. GIANNI CARLUCCIO (3)ANGELI DI CARMELO BENE copyright ING. GIANNI CARLUCCIO (4)ANGELI DI CARMELO BENE copyright ING. GIANNI CARLUCCIO (5)ANGELI DI CARMELO BENE copyright ING. GIANNI CARLUCCIO (6)* Tutte le immagini appartengono all’Archivio dell’Ing. Gianni Carluccio e ne è vietato l’utilizzo senza il consenso dell’Autore. Continua a leggere

La Grotta dei Cervi di Porto Badisco in Mostra nel Castello di Otranto

In primo piano

OTRANTO, PORTO BADISCO - GROTTA DEI CERVI, MOSTRA foto copyright ING. GIANNI CARLUCCIO (1)

OTRANTO, PORTO BADISCO - GROTTA DEI CERVI, MOSTRA foto copyright ING. GIANNI CARLUCCIO (2)PORTO-BADISCO-LE-GROTTA-DEI-CERVI-foto-copyright-ING.-GIANNI-CARLUCCIO-5-1024x623

Porto Badisco, Grotta dei Cervi. Gianni Carluccio (tra i Proff. Francesco D’Andria e Cosimo Pagliara dell’Università di Lecce) e Ida Blattmann D’Amelj (seconda da dx, in alto), con le studentesse della Scuola di Specializzazione in Archeologia dell’Università di Lecce, al termine della campagna di scavo a Otranto (4.8.1981).

PORTO BADISCO, AGOSTO 1981 copyright ING. GIANNI CARLUCCIO

Porto Badisco, 5 Agosto 1981. Gianni, Ida, Lucia e Tommaso.

Trentacinque anni dopo essere entrato per la prima volta nella Grotta dei Cervi di Porto Badisco (4 Agosto 1981), oggi ho provato nuovamente una forte emozione nel vedere lo stupendo filmato realizzato in 3D all’interno della Grotta da un gruppo internazionale di specialisti e presente nell’ambito della Mostra permanente: “I luoghi della preistoria. Porto Badisco e la Grotta dei Cervi”, fortemente voluta ed egregiamente realizzata all’interno del Castello di Otranto grazie all’impegno dell’amico Dott. Salvatore Bianco, funzionario della Soprintendenza Archeologica della Puglia e Coordinatore Scientifico dell’allestimento, nonché redattore dei testi, che ha voluto guidarci in un viaggio affascinante… Grazie Rino! 

OTRANTO, PORTO BADISCO - GROTTA DEI CERVI, MOSTRA foto copyright ING. GIANNI CARLUCCIO (3)OTRANTO, PORTO BADISCO - GROTTA DEI CERVI, MOSTRA foto copyright ING. GIANNI CARLUCCIO (5)

PORTO-BADISCO-LE-GROTTA-DEI-CERVI-foto-copyright-ING.-GIANNI-CARLUCCIO-4

Un ricordo della mia ultima Conferenza su alcune Grotte del Salento (2009).

PORTO-BADISCO-14.11.2010-foto-copyright-ING.-GIANNI-CARLUCCIO

La costa nei pressi di Porto Badisco.

* Tutte le immagini appartengono all’Archivio dell’Ing. Gianni Carluccio e ne è vietato l’utilizzo senza il consenso dell’Autore.

Continua a leggere

Pagliari Salentini

In primo piano

Ai cari amici

Prof. Francesco D’Andria

e Prof. Antonio Costantini

Presicce, Il Pagliarone più bello del Salento (1802 ?).

“Pagliari Salentini” è un tema affascinante che ho sviluppato su suggerimento dell’amico Francesco D’Andria, Professore Emerito dell’Università del Salento, impegnato negli scavi di Acquarica di Lecce, dove sono emerse le tracce di un antico pagliaro nel fondo “Pozzo seccato”, in una zona particolarmente ricca di questi monumenti della civiltà della pietra, lungamente studiata dal caro amico Prof. Antonio Costantini. Propongo qui di seguito un centinaio di immagini di “pagliari salentini”, tra le oltre mille presenti nel mio archivio. Tra i pagliari più antichi quelli di S. Donato (1550), Trepuzzi (1583) e Lizzanello (1663); numerosissimi e spesso molto eleganti sono i pagliari costruiti nell’800; a Galugnano ne è stato individuato uno dov’è scritto che il “pagliaro” è stato fabbricato nel 1851.

* Oltre agli amici segnalati nel testo che segue, devo ringraziare particolarmente per alcune informazioni i miei cari alunni: Ludovico Maggio (1D Informatica dell’I.I.S.S. “E. FERMI” di Lecce) di Lecce, per la segnalazione del bellissimo pagliaro ottocentesco situato nel Comune di Lecce (nei pressi della Masseria La Lizza) e soprattutto Santino Cafaro (S.C. nelle didascalie) (1A Areonautica dell’I.I.S.S. “E. FERMI” di Lecce) di San Donato, per avermi segnalato una serie incredibile di interessantissimi pagliari presenti tra San Donato e Galugnano, tra questi, durante alcuni sopralluoghi con il mio bravissimo alunno, ho individuato forse il pagliaro con la datazione più antica: “1550”.

PAGLIARI SALENTINI, foto copyright ING. GIANNI CARLUCCIO (68)

San Donato, uno dei più antichi pagliari  (1550).PAGLIARI SALENTINI, foto copyright ING. GIANNI CARLUCCIO (87)Acaja (Vernole), Pagliarone detto “Il Bello” (1822).

M. MAINARDI, IL TURISMO AMBIENTALE, ED. DEL GRIFO 1992 - DED. A GIANNI CARLUCCIO

Il disegno dello stesso Pagliarone ad opera dell’amico Antonio Monte, nell’ambito di una interessante pubblicazione che l’amico Michele Mainardi ha voluto dedicarmi (dopo 24 anni…), al termine di una bella passeggiata nella Valle dell’Idro.

PAGLIARI SALENTINI, foto copyright ING. GIANNI CARLUCCIO (41)Melendugno, Pagliarone (1833).

PAGLIARI SALENTINI, foto copyright ING. GIANNI CARLUCCIO (12)

Galugnano, Pagliaro (1859).

PAGLIARI SALENTINI, foto copyright ING. GIANNI CARLUCCIO (30)

Lecce, Pagliarone nei pressi della Masseria Lizza (1871).

PAGLIARI SALENTINI, foto copyright ING. GIANNI CARLUCCIO (48)

Melendugno, in ricordo di Adriana…PAGLIARI, MELENDUGNO copyright ING. GIANNI CARLUCCIO (3)

Ringrazio per la segnalazione di questo bellissimo complesso di tre pagliari, sito nei pressi della Chiesa di San Niceta a Melendugno) gli amici Dott. Lorenzo Capone ed il Sig. Lillino Baldassarre.

* Tutte le immagini appartengono all’Archivio dell’Ing. Gianni Carluccio e ne è vietato l’utilizzo senza il consenso dell’Autore.

Continua a leggere

Antonio De Ferrariis “Galateo”. Sulle tracce della Villa di Trepuzzi e dell’iscrizione messapica da Vaste

* Al caro amico

Vittorio Zacchino

ed in memoria di mia madre,

Dott. Silvana Schipa,

nel giorno del suo onomastico

MEDAGLIA GALATEO, copyright VITTORIO ZACCHINO - ARCHIVIO CARLUCCIO

Medaglia commemorativa del Galateo, coniata in occasione della Cittadinanza Onoraria avuta a Napoli nel 1510, conservata presso i Musei Civici di Brescia (cortesia Prof. Vittorio Zacchino, copyright).

GALATEO, MODELLO PER UNA MEDAGLIA, 1540 ca

MEDAGLIA GALATEO, METROPOLITAN

Antonio De Ferrariis detto “Il Galateo”, “modello per una medaglia commemorativa, 1540 circa” (?) (New York, Metropolitan Museum of Art).

GALATEO, MEDAGLIA - SFONDO BLU

La stessa medaglia commemorativa in vendita in Francia a Lille.

MEDAGLIA GALATEO BRESCIA (VACCA, RIN. SAL. 1943)

Un esemplare della medaglia conservato nel Museo di Brescia. Dal fascicolo di Rinascenza Salentina (Organo della R. Deputazione di Storia Patria per le Puglie), contenente l’art. di Nicola Vacca, “Noterelle Galateane”, A.XI, N.4, 1943.

MEDAGLIA GALATEO (da V. ZACCHINO)

Copia della medaglia del Galateo avuta dal Prof. Vittorio Zacchino.

RITRATTO DEL GALATEO, FIRENZE 1710 - ARCHIVIO CARLUCCIO

Ritratto del Galateo dal De Angelis, “Vite dei Letterati Salentini”, Firenze 1710.

GALATONE, CASA NATALE GALATEO, copyright ING. GIANNI CARLUCCIO (1)

Galatone (Lecce).

GALATONE, CASA NATALE GALATEO, copyright ING. GIANNI CARLUCCIO (2)

Galatone, Santuario SS. Crocifisso (XVIII sec.).

GALATONE, LA CASA NATALE DEL GALATEO - ARCHIVIO CARLUCCIO

La casa natale del Galateo a Galatone (Lecce), da Giuseppe Gigli, Il Tallone d’Italia, Lecce e Dintorni, Bergamo 1911, Foto Lazzaretti.

* Tutte le immagini appartengono all’Archivio dell’Ing. Gianni Carluccio e ne è vietato l’utilizzo senza il consenso dell’Autore.

Continua a leggere

L’Ing. Gianni Carluccio Cittadino Onorario di Poggiardo-Vaste, dopo l’On.le Prof. Aldo Moro e l’Astronauta Ing. Paolo Nespoli

In primo piano

L’Ing. Gianni Carluccio con l’amico Astronauta Ing. Paolo Nespoli (Vaste, 16.7.2012).

L’On.le Prof. Aldo Moro, Presidente del Consiglio dei Ministri inaugura il Museo degli Affreschi Bizantini di Poggiardo, 12.6.1975. Nella stessa data riceve la Cittadinanza Onoraria dal Sindaco Raffaele Pascarito e dal Consiglio Comunale di Poggiardo.

Nella foto da sin.: Maresciallo Oreste Leonardi (ucciso nell’agguato di Via Fani a Roma), On.le Aldo Moro, On.le Francesco Rausa (amico personale di Aldo Moro e già Sindaco di Poggiardo), Sig. Domenico De Santis (Comandante dei Vigili Urbani di Poggiardo), Sindaco Avv. Raffaele Pascarito (seminascosto), Prof. Egidio Grasso (Presidente della Provincia di Lecce).

Mercoledì 30 Dicembre 2015, su proposta del Sindaco, Dott. Giuseppe Colafati e della Giunta Municipale di Poggiardo, in segno di stima e apprezzamento per il notevole apporto offerto alla valorizzazione dei beni culturali e archeologici di Poggiardo e Vaste, nel corso della sua attività culturale e scientifica, il Consiglio Comunale di Poggiardo ha conferito la Cittadinanza Onoraria all’Ing. Gianni Carluccio, nato a Lecce il 2 aprile 1952.

Precedentemente all’Ing. Carluccio la Cittadinanza Onoraria era stata conferita il 12 Giugno 1975 all’On.le Prof. Aldo Moro, Presidente del Consiglio dei Ministri e il 17 luglio 2012 all’Astronauta Ing. Paolo Nespoli, che così scrive sul sito dell’Ing. Carluccio dopo una videoconferenza "Lecce-Houston":

"Carissimo Gianni, ho visto con piacere le foto che hai riportato sul tuo sito web http://www.giannicarluccio.it/ Come sempre, ti riconosco passione e professionalità in tutto ciò che fai, sempre proteso alla divulgazione della cultura e dell’identità salentina, terra straordinaria per i suoi sapori, i suoi colori e lo spirito dell’accoglienza che tante volte ho avuto modo di godere in tanti anni di frequentazione. La concessione della cittadinanza onoraria di Casarano prima e, recentemente di Poggiardo, ha suggellato poi in modo indelebile il mio rapporto di affetto con tutti Voi salentini. Un saluto ed un abbraccio a tutti, Paolo".

L’Astronauta Ing. Paolo Nespoli tra l’amico metereologo dell’A.S.I. Gino Merico e l’Ing. Gianni Carluccio nella Piazza di Vaste (16.7.2012).

L’Ing. Gianni Carluccio sulla Torre di Vaste (8.9.2006).

Nuovo Quotidiano di Puglia, Lecce 30.12.2015 (Art. Nicola De Paulis).

La Gazzetta del Mezzogiorno, 30.12.2015 (Art. Salvatore Ciriolo).

TRNEWS TELERAMA, 30.12.2015 (Direttore Giuseppe Vernaleone).

 

Domenica 31 Gennaio 2016, alle ore 10, presso il Palazzo della Cultura di Poggiardo (Piazza Umberto I), il Dott. Giuseppe Colafati, Sindaco di Poggiardo a nome del Consiglio Comunale, consegnerà all’Ing. Gianni Carluccio la pergamena con il conferimento della Cittadinanza Onoraria.

Seguirà una relazione da parte dell’Ing. Carluccio, con proiezione di numerose immagini sul territorio di Poggiardo e Vaste. Al termine (ore 12 circa) nelle stesse Sale del Palazzo della Cultura sarà possibile visitare una Mostra sull’Ipogeo delle Cariatidi di Vaste, curata da Gianni Carluccio e Marcello Seclì per Italia Nostra. Seguirà un aperitivo offerto dal neo Cittadino Onorario.

* Tutte le immagini appartengono all’Archivio dell’Ing. Gianni Carluccio e ne è vietato l’utilizzo senza il consenso dell’Autore.

Continua a leggere

Ricordo del Prof. Cosimo Pagliara – “Poesia di un culto antico”

In primo piano

A Lina,
Marco, Andrea e Irene

Il Prof. Cosimo Pagliara con l’amico Ing. Gianni Carluccio; sullo sfondo uno dei calchi delle pareti della Grotta della Poesia Piccola a Rocavecchia, con i graffiti in lingua messapica e latina (Università del Salento, 8 Giugno 2007).

 

Mercoledì 12 Agosto 2015, presso la sua residenza leccese, ci ha lasciato il Prof. Cosimo Pagliara. In tanti hanno espresso un messaggio di cordoglio alla famiglia dell’illustre docente salentino, e sono giunte anche le parole del rettore dell’ateneo leccese, Prof. Vincenzo Zara: “È scomparso purtroppo il Professor Cosimo Pagliara, tra i fondatori del Dipartimento e della Facoltà di Beni culturali della nostra Università. Fu promotore di numerose rilevanti iniziative di ricerca, tra le quali la scoperta della Grotta della Poesia a Roca Vecchia e la scoperta e lo scavo del sito protostorico di Roca, di cui ha diretto per molti anni le indagini archeologiche. L’Università e il territorio devono molto a questo collega docente e abile e appassionato ricercatore, che seppe lavorare collegando proficuamente le strutture accademiche e quelle di altri enti territoriali e di ricerca”.

Io ero profondamente legato all’amico “Mimmo”, che ho conosciuto nel lontano 1964, quando avevo 12 anni! Tantissimi sono i ricordi, che comincio a pubblicare su questo sito. Ciao Mimmo…

Lecce, 12 Agosto 2015
Ing. Gianni Carluccio

L’Ing. Gianni Carluccio con il Prof. Cosimo Pagliara.

Purtroppo è l’ultima foto con il caro Mimmo, fatta nel giorno di una sua importante Relazione al Convegno “Roca nel Mediterraneo, l’età delle prime navigazioni commerciali”, tenuto presso il Castello di Acaya, dove era anche presente la stupenda Mostra: “Roca nel Mediterraneo” (6 Luglio 2013).

 

* Tutte le immagini appartengono all’Archivio dell’Ing. Gianni Carluccio e ne è vietato l’utilizzo senza il consenso dell’Autore.

Continua a leggere

Felice 2015 da Gianni Carluccio con uno scritto del Prof. Maurizio Nocera

In primo piano

 

Questa immagine del luogo della tragedia navale che si è consumata a partire da domenica 28.12.2014 è dedicata a tutti i naufraghi, alle loro famiglie ed a tutti coloro che hanno permesso che non avesse conseguenze catastrofiche (G.C.).

Assieme agli Auguri per un Felice 2015, ricevo oggi dal caro amico, Prof. Maurizio Nocera, un prezioso scritto-‘regalo’, che mi riguarda personalmente e che completa quello già comparso su questo sito, come commento ad un mio articolo su Capri.

Sono dunque molto grato al Prof. Maurizio Nocera ed al caro amico Dott. Lorenzo Capone, autore delle prime nove foto che mi riguardano.

Colgo l’occasione per augurare un Felice 2015 a tutti i frequentatori del sito.

Lecce, 1 Gennaio 2015

Ing. Gianni Carluccio

 

Gianni Carluccio con Maurizio Nocera.

Gianni Carluccio con Lorenzo Capone.

 

* Tranne le prime nove immagini, che appartengono all’Archivio del caro amico Editore Dott. Lorenzo Capone, che ringrazio, tutte le altre immagini appartengono all’Archivio dell’Ing. Gianni Carluccio e ne è vietato l’utilizzo senza il consenso dell’Autore.

Continua a leggere

Natale 2014 in Carrozza…

In primo piano

 

La Carrozza, Natale 2014.

Il "Film" prodotto dalla Capone Editore in occasione del Natale 2014 con Lorenzo Capone, Gianni Carluccio, Maurizio Nocera e Mario Cazzato … (La Carrozza, Natale 2014).

La recensione a "La Carrozza" comparsa sul NUOVO QUOTIDIANO DI PUGLIA – LECCE del 24.XII.2014.

* Nella vignetta in basso compare il mio caro amico Fernando Scarpa, eccellente calciatore leccese, che spesso si è esibito allo Stadio San Paolo di Napoli, quando giocava nel Sorrento di Achille Lauro.

La simpatica vignetta relativa all’Ing. Gianni Carluccio comparsa su "La Carrozza" del Natale 2012.

Il Castello Carlo V di Lecce

In primo piano

A Ida,

in occasione della Visita Guidata

per le Giornate di Primavera del F.A.I.,

con gli studenti del Liceo Classico Virgilio  di Lecce

La Prof.ssa Ida Blattmann D’Amelj, docente di Storia dell’Arte, Archeologa Medioevale e delegata F.A.I., con alunne e alunni del Liceo Classico Virgilio di Lecce, in occasione della visita guidata presso il Castello Carlo V (14.3.2014) (foto copyright Ing. Gianni Carluccio).

 

Il lato meridionale del Castello Carlo V di Lecce. Si possono notare la Torre Magistra (a sin.), un corpo di fabbrica elevato che fiancheggia la Torre Mozza (a destra) ed in primo piano il Bastione della S. Trinità (foto copyright Ing. Gianni Carluccio).

L’Imperatore Carlo V ritratto dal Tiziano (Napoli, Museo Nazionale di Capodimonte, 1533 circa) (foto copyright Ing. Gianni Carluccio).

Lo stemma dell’Imperatore Carlo V, apposto sulla Porta Falsa o del Soccorso del Castello di Lecce, con in basso l’iscrizione, parzialmente ripresa dai classici latini (Plinio il Vecchio), che così leggo e riporto: "INTER UTRUMQ(UE) SOLEM ANTIPODUM OCCASUM / EXORIENTEMQ(UE) NOSTRUM SUB PEDIBUS O(M)NIA REGIT" (Il significato sintetico è che Carlo V regge sotto il suo imperio ogni cosa, da oriente a occidente) (foto copyright Ing. Gianni Carluccio).

 

* Tutte le immagini appartengono all’Archivio dell’Ing. Gianni Carluccio e ne è vietato l’utilizzo senza il consenso dell’Autore.

Continua a leggere