La “fòcara” di Novoli (Lecce) in Piazza Tito Schipa

In primo piano

 

A mia madre Silvana Schipa, a mio padre Antonio
ed ai miei nonni, Realino Schipa ed Antonietta Zecca,
che, fin da quand’ero bambino, mi portavano a Novoli,
per devozione a Sant’Antonio e per ammirare
l’immensa fòcara, in Piazza G. Brunetti.

La "fòcara di Novoli" in Piazza Tito Schipa a Novoli (Lecce), in una delle più belle edizioni (foto copyright Ing. Gianni Carluccio, 16.1.2007).

La "focara" di Novoli in Piazza Tito Schipa (foto copyright Sig. Giorgio Perrone, Gennaio 2014).

* Debbo la possibilità di pubblicare questa splendida immagine e quelle che seguono al mio caro alunno Andrea Guerrieri di Novoli ed al suo parente, Sig. Giorgio Perrone, che ne è il "magico" autore. Grazie di cuore…

La fòcara di Novoli nell’edizione 2007 (foto copyright Ing. Gianni Carluccio).

Si rinnova stasera alle ore 20.30 il tradizionale appuntamento con l’accensione della "fòcara" in Piazza Tito Schipa a Novoli (Lecce). Si tratta di uno degli eventi più affascinanti offerti dal Salento. Secondo qualcuno la "fòcara" trae origine da antichi riti pagani, propiziatori di purificazione e fertilità. Il culto di Sant’Antonio Abate subentrerà, in seguito, a questa forma di religiosità primitiva (nel 1664, Vescovo Pappacoda, si comincia a parlare di proclamazione e processione in onore del Santo, che solo nel 1737 viene riconosciuto ufficialmente come Santo Patrono); il primo documento certo riguardante la fòcara risale invece al 1893, come scrive con molta attenzione e precisione il Prof. Salvatore Epifani (S. Epifani, Sulla fòcara di S. Antonio Abate a Novoli, Roma 2012, p. 57).

* Tutte le immagini appartengono all’Archivio dell’Ing. Gianni Carluccio (ove non specificato diversamente) e ne è vietata la riproduzione senza il consenso dell’autore.

Continua a leggere

La Via Francigena del Salento

In primo piano

A CAVALLO SULLE ORME DEI PELLEGRINI LUNGO LA VIA FRANCIGENA DEL SALENTO.

Domenica 9 Settembre 2012: da Trepuzzi a Novoli (LECCE). 

* Tutte le immagini appertengono all’Archivio dell’Ing. Gianni Carluccio e ne è vietata la riproduzione senza il consenso dell’autore.

Continua a leggere