La Grotta dei Cervi di Porto Badisco in Mostra nel Castello di Otranto

In primo piano

OTRANTO, PORTO BADISCO - GROTTA DEI CERVI, MOSTRA foto copyright ING. GIANNI CARLUCCIO (1)

OTRANTO, PORTO BADISCO - GROTTA DEI CERVI, MOSTRA foto copyright ING. GIANNI CARLUCCIO (2)PORTO-BADISCO-LE-GROTTA-DEI-CERVI-foto-copyright-ING.-GIANNI-CARLUCCIO-5-1024x623

Porto Badisco, Grotta dei Cervi. Gianni Carluccio (tra i Proff. Francesco D’Andria e Cosimo Pagliara dell’Università di Lecce) e Ida Blattmann D’Amelj (seconda da dx, in alto), con le studentesse della Scuola di Specializzazione in Archeologia dell’Università di Lecce, al termine della campagna di scavo a Otranto (4.8.1981).

PORTO BADISCO, AGOSTO 1981 copyright ING. GIANNI CARLUCCIO

Porto Badisco, 5 Agosto 1981. Gianni, Ida, Lucia e Tommaso.

Trentacinque anni dopo essere entrato per la prima volta nella Grotta dei Cervi di Porto Badisco (4 Agosto 1981), oggi ho provato nuovamente una forte emozione nel vedere lo stupendo filmato realizzato in 3D all’interno della Grotta da un gruppo internazionale di specialisti e presente nell’ambito della Mostra permanente: “I luoghi della preistoria. Porto Badisco e la Grotta dei Cervi”, fortemente voluta ed egregiamente realizzata all’interno del Castello di Otranto grazie all’impegno dell’amico Dott. Salvatore Bianco, funzionario della Soprintendenza Archeologica della Puglia e Coordinatore Scientifico dell’allestimento, nonché redattore dei testi, che ha voluto guidarci in un viaggio affascinante… Grazie Rino! 

OTRANTO, PORTO BADISCO - GROTTA DEI CERVI, MOSTRA foto copyright ING. GIANNI CARLUCCIO (3)OTRANTO, PORTO BADISCO - GROTTA DEI CERVI, MOSTRA foto copyright ING. GIANNI CARLUCCIO (5)

PORTO-BADISCO-LE-GROTTA-DEI-CERVI-foto-copyright-ING.-GIANNI-CARLUCCIO-4

Un ricordo della mia ultima Conferenza su alcune Grotte del Salento (2009).

PORTO-BADISCO-14.11.2010-foto-copyright-ING.-GIANNI-CARLUCCIO

La costa nei pressi di Porto Badisco.

* Tutte le immagini appartengono all’Archivio dell’Ing. Gianni Carluccio e ne è vietato l’utilizzo senza il consenso dell’Autore.

Continua a leggere

L’Ing. Gianni Carluccio Cittadino Onorario di Poggiardo-Vaste, dopo l’On.le Prof. Aldo Moro e l’Astronauta Ing. Paolo Nespoli

In primo piano

L’Ing. Gianni Carluccio con l’amico Astronauta Ing. Paolo Nespoli (Vaste, 16.7.2012).

L’On.le Prof. Aldo Moro, Presidente del Consiglio dei Ministri inaugura il Museo degli Affreschi Bizantini di Poggiardo, 12.6.1975. Nella stessa data riceve la Cittadinanza Onoraria dal Sindaco Raffaele Pascarito e dal Consiglio Comunale di Poggiardo.

Nella foto da sin.: Maresciallo Oreste Leonardi (ucciso nell’agguato di Via Fani a Roma), On.le Aldo Moro, On.le Francesco Rausa (amico personale di Aldo Moro e già Sindaco di Poggiardo), Sig. Domenico De Santis (Comandante dei Vigili Urbani di Poggiardo), Sindaco Avv. Raffaele Pascarito (seminascosto), Prof. Egidio Grasso (Presidente della Provincia di Lecce).

Mercoledì 30 Dicembre 2015, su proposta del Sindaco, Dott. Giuseppe Colafati e della Giunta Municipale di Poggiardo, in segno di stima e apprezzamento per il notevole apporto offerto alla valorizzazione dei beni culturali e archeologici di Poggiardo e Vaste, nel corso della sua attività culturale e scientifica, il Consiglio Comunale di Poggiardo ha conferito la Cittadinanza Onoraria all’Ing. Gianni Carluccio, nato a Lecce il 2 aprile 1952.

Precedentemente all’Ing. Carluccio la Cittadinanza Onoraria era stata conferita il 12 Giugno 1975 all’On.le Prof. Aldo Moro, Presidente del Consiglio dei Ministri e il 17 luglio 2012 all’Astronauta Ing. Paolo Nespoli, che così scrive sul sito dell’Ing. Carluccio dopo una videoconferenza "Lecce-Houston":

"Carissimo Gianni, ho visto con piacere le foto che hai riportato sul tuo sito web http://www.giannicarluccio.it/ Come sempre, ti riconosco passione e professionalità in tutto ciò che fai, sempre proteso alla divulgazione della cultura e dell’identità salentina, terra straordinaria per i suoi sapori, i suoi colori e lo spirito dell’accoglienza che tante volte ho avuto modo di godere in tanti anni di frequentazione. La concessione della cittadinanza onoraria di Casarano prima e, recentemente di Poggiardo, ha suggellato poi in modo indelebile il mio rapporto di affetto con tutti Voi salentini. Un saluto ed un abbraccio a tutti, Paolo".

L’Astronauta Ing. Paolo Nespoli tra l’amico metereologo dell’A.S.I. Gino Merico e l’Ing. Gianni Carluccio nella Piazza di Vaste (16.7.2012).

L’Ing. Gianni Carluccio sulla Torre di Vaste (8.9.2006).

Nuovo Quotidiano di Puglia, Lecce 30.12.2015 (Art. Nicola De Paulis).

La Gazzetta del Mezzogiorno, 30.12.2015 (Art. Salvatore Ciriolo).

TRNEWS TELERAMA, 30.12.2015 (Direttore Giuseppe Vernaleone).

 

Domenica 31 Gennaio 2016, alle ore 10, presso il Palazzo della Cultura di Poggiardo (Piazza Umberto I), il Dott. Giuseppe Colafati, Sindaco di Poggiardo a nome del Consiglio Comunale, consegnerà all’Ing. Gianni Carluccio la pergamena con il conferimento della Cittadinanza Onoraria.

Seguirà una relazione da parte dell’Ing. Carluccio, con proiezione di numerose immagini sul territorio di Poggiardo e Vaste. Al termine (ore 12 circa) nelle stesse Sale del Palazzo della Cultura sarà possibile visitare una Mostra sull’Ipogeo delle Cariatidi di Vaste, curata da Gianni Carluccio e Marcello Seclì per Italia Nostra. Seguirà un aperitivo offerto dal neo Cittadino Onorario.

* Tutte le immagini appartengono all’Archivio dell’Ing. Gianni Carluccio e ne è vietato l’utilizzo senza il consenso dell’Autore.

Continua a leggere

Il Massiccio del Pollino visto da Gallipoli

In primo piano

"Alla mia cara Arianna

ed a Gianni Morandi, amante del Salento".

Il Massiccio del Pollino visto da Gallipoli.

* Foto Ing. Gianni Carluccio, 21 settembre 2012, ore 19.23.

Questa spettacolare immagine è stata ripresa alle ore 19.27 di Venerdì 21 settembre 2012 dall’Ing. Gianni Carluccio (lo scatto è stato effettuato da uno dei porticcioli di Gallipoli, lato ovest, nei pressi del seno della Purità). Nella foto si riconosce l’Isola di Sant’Andrea con il faro e, sulla destra, il Massiccio del Pollino: il Monte Pollino è alto 2.248 metri s.l.m. e dista in linea d’aria da Gallipoli 150 km.

 

* Tutte le immagini appartengono all’Archivio dell’Ing. Gianni Carluccio e ne è vietata la riproduzione senza il consenso dell’autore.

Continua a leggere