Pagliari Salentini

In primo piano

Ai cari amici

Prof. Francesco D’Andria

e Prof. Antonio Costantini

Presicce, Il Pagliarone più bello del Salento (1802 ?).

“Pagliari Salentini” è un tema affascinante che ho sviluppato su suggerimento dell’amico Francesco D’Andria, Professore Emerito dell’Università del Salento, impegnato negli scavi di Acquarica di Lecce, dove sono emerse le tracce di un antico pagliaro nel fondo “Pozzo seccato”, in una zona particolarmente ricca di questi monumenti della civiltà della pietra, lungamente studiata dal caro amico Prof. Antonio Costantini. Propongo qui di seguito un centinaio di immagini di “pagliari salentini”, tra le oltre mille presenti nel mio archivio. Tra i pagliari più antichi quelli di S. Donato (1550), Trepuzzi (1583) e Lizzanello (1663); numerosissimi e spesso molto eleganti sono i pagliari costruiti nell’800; a Galugnano ne è stato individuato uno dov’è scritto che il “pagliaro” è stato fabbricato nel 1851.

* Oltre agli amici segnalati nel testo che segue, devo ringraziare particolarmente per alcune informazioni i miei cari alunni: Ludovico Maggio (1D Informatica dell’I.I.S.S. “E. FERMI” di Lecce) di Lecce, per la segnalazione del bellissimo pagliaro ottocentesco situato nel Comune di Lecce (nei pressi della Masseria La Lizza) e soprattutto Santino Cafaro (S.C. nelle didascalie) (1A Areonautica dell’I.I.S.S. “E. FERMI” di Lecce) di San Donato, per avermi segnalato una serie incredibile di interessantissimi pagliari presenti tra San Donato e Galugnano, tra questi, durante alcuni sopralluoghi con il mio bravissimo alunno, ho individuato forse il pagliaro con la datazione più antica: “1550”.

PAGLIARI SALENTINI, foto copyright ING. GIANNI CARLUCCIO (68)

San Donato, uno dei più antichi pagliari  (1550).PAGLIARI SALENTINI, foto copyright ING. GIANNI CARLUCCIO (87)Acaja (Vernole), Pagliarone detto “Il Bello” (1822).

M. MAINARDI, IL TURISMO AMBIENTALE, ED. DEL GRIFO 1992 - DED. A GIANNI CARLUCCIO

Il disegno dello stesso Pagliarone ad opera dell’amico Antonio Monte, nell’ambito di una interessante pubblicazione che l’amico Michele Mainardi ha voluto dedicarmi (dopo 24 anni…), al termine di una bella passeggiata nella Valle dell’Idro.

PAGLIARI SALENTINI, foto copyright ING. GIANNI CARLUCCIO (41)Melendugno, Pagliarone (1833).

PAGLIARI SALENTINI, foto copyright ING. GIANNI CARLUCCIO (12)

Galugnano, Pagliaro (1859).

PAGLIARI SALENTINI, foto copyright ING. GIANNI CARLUCCIO (30)

Lecce, Pagliarone nei pressi della Masseria Lizza (1871).

PAGLIARI SALENTINI, foto copyright ING. GIANNI CARLUCCIO (48)

Melendugno, in ricordo di Adriana…PAGLIARI, MELENDUGNO copyright ING. GIANNI CARLUCCIO (3)

Ringrazio per la segnalazione di questo bellissimo complesso di tre pagliari, sito nei pressi della Chiesa di San Niceta a Melendugno) gli amici Dott. Lorenzo Capone ed il Sig. Lillino Baldassarre.

* Tutte le immagini appartengono all’Archivio dell’Ing. Gianni Carluccio e ne è vietato l’utilizzo senza il consenso dell’Autore.

Continua a leggere

Le Cesine, mon amour

In primo piano

Ad Antonio Canu,
Responsabile Nazionale
Oasi WWF-Italia,
amico ritrovato

Alcuni straordinari scatti dell’Ing. Gianni Carluccio.

In questo caso si tratta di Garzette.

Un Airone cenerino si posa nella palude.

L’Airone Bianco maggiore e una Garzetta.

Una Sgarza ciuffetto.

Falco di Palude.

Garzette in volo nei pressi della Masseria Cesine.

 

Le Cesine, primo amore… che ritorna, assieme a vecchi, indimenticabili e preziosi ricordi…

Le foto (copyright Ing. Gianni Carluccio) sono relative ai mesi di Aprile e Maggio 2015.

 

* Tutte le immagini appartengono all’Archivio dell’Ing. Gianni Carluccio e ne è vietato l’utilizzo senza il consenso dell’Autore.

Continua a leggere

Ove fioriva l’Olivo…

In primo piano

Giuggianello, olivo secolare.

(foto copyright Ing. Gianni Carluccio, segnalazione Prof. Vincenzo Ruggeri).

QUESTO ESTERREFATTO VECCHIETTO SALENTINO E QUESTA RAGAZZA PIANGENTE SONO LE IMMAGINI DELLA VERGOGNA CHE DEVE PROVARE PIU’ DI QUALCUNO !!!

Grazie a Valerio Saracino per aver saputo cogliere queste tristi immagini, che non avremmo mai voluto vedere!

Tutte le immagini che seguono sono tratte dalla mia Conferenza: "Il Paesaggio dell’Ulivo", tenuta per i Soci dell’Associazione Nazionale Educatori Benemeriti (A.N.E.B.) il 30 Ottobre 2012 a Lecce (350 immagini). Una simile Conferenza l’avevo tenuta preso la "Casa dell’Olivo – Oleoteca d’Italia" di Leverano il 7 Agosto 2010.

 

* Tutte le immagini appartengono all’Archivio dell’Ing. Gianni Carluccio e ne è vietato l’utilizzo senza il consenso dell’Autore.

Continua a leggere

Torre di Belloluogo (Lecce), Apertura F.A.I. 22.3.2015

In primo piano

dedicato a Giacomo Mazzeo

Elena Carluccio

e Patrizia Erroi

 

La Prof. Ida Blattmann D’Amelj con le sue alunne ed alunni del Liceo Classico "Virgilio" di Lecce (Dirigente Prof.ssa Filomena Giannelli), all’interno del vano al piano terra della Torre di Belloluogo. Foto copyright Ing. Gianni Carluccio, Lecce 22 Marzo 2015.

Un’allieva del Liceo Classico Virgilio pronta ad illustrare i bellissimi affreschi presenti all’interno della piccola cappella al piano nobile della Torre di Belloluogo.

Lecce. La Torre di Belloluogo, di età angioina, in occasione dell’apertura con il F.A.I. copyright Ing. Gianni Carluccio.

La Capo Delegazione del F.A.I. di Lecce, Prof.ssa Rossella Galante Arditi di Castelvetere, con la Prof.ssa Ida Blattmann D’Amelj, docente di Storia dell’Arte presso il Liceo Classico "Virgilio di Lecce" e componente della Delegazione F.A.I. di Lecce, all’apertura della Torre di Belloluogo. Lecce, domenica 22 Marzo 2015, foto copyright Ing. Gianni Carluccio.

 

* Tutte le immagini appartengono all’Archivio dell’Ing. Gianni Carluccio e ne è vietato l’utilizzo senza il consenso dell’Autore.

Continua a leggere

Fenicotteri rosa nel Salento

In primo piano

Alla mia bravissima Elena,

compagna d’avventura in questo mondo magico.

 

Ancora straordinarie immagini di fenicotteri rosa nella Salina Vecchia di Torre Colimena (domenica 28 Settembre 2014).

* Tutte le immagini appartengono all’Archivio dell’Ing. Gianni Carluccio e ne è vietato l’utilizzo senza il consenso dell’Autore.

Continua a leggere

Il Castello di Gallipoli

In primo piano

 

Il Castello Aragonese di Gallipoli con in primo piano il Rivellino.

Uno dei pannelli didattici in mostra, con la stupenda "Mappa della Città di Gallipoli" di Piri Reis (primi del ‘500). Nella mappa compare anche la rappresentazione della città di Nardò.

La Torre di Nord-Ovest con in primo piano la sede dell’ex Mercato Ittico.

Gallipoli, il seno della Purità con le fortificazioni cinquecentesche.

 

* Tutte le immagini appartengono all’Archivio dell’Ing. Gianni Carluccio e ne è vietato l’utilizzo senza il consenso dell’Autore.

Continua a leggere

Gallipoli, Punta della Suina e Lido Pizzo con i coloratissimi Gruccioni

In primo piano

  

a Gianni Morandi,

frequentatore e amante di questi luoghi.

 

Gallipoli, il centro storico visto da Punta della Suina, domenica 7 Settembre 2014.

Gallipoli, Punta della Suina.

Gallipoli, Lido Pizzo.

Gallipoli, Punta Pizzo, Gruccioni in volo di migrazione.

 

Domenica 7 Settembre 2014, durante una bella passeggiata alla scoperta dei lidi di Gallipoli, nell’ambito del Parco Naturale Regionale "Isola di S. Andrea e litorale di Punta Pizzo", innumerevoli e coloratissimi Gruccioni, in volo di migrazione, hanno allietato il nostro cammino, proprio nei pressi della stradina che conduce alla Masseria di Torre Pizzo, nei pressi dell’omonima torre circolare.

Gianni Carluccio 

* Tutte le immagini appartengono all’Archivio dell’Ing. Gianni Carluccio e ne è vietato l’utilizzo senza il consenso dell’Autore.

Continua a leggere

Castro perla del Salento. Dalle mura messapiche al santuario di Atena, dal porto di Enea, dalle acque cristalline, alle meravigliose grotte, per concludere a pranzo “Da Amedeo”

In primo piano

 

Castro (Lecce). Il centro storico con il Castello Aragonese.

Castro. Il porto di Enea ricordato da Virgilio, che probabilmente, data la perfetta descrizione, era stato sul posto o aveva ripreso le indicazioni dagli Annales di Quinto Ennio, che certamente, da buon Salentino, conosceva questi luoghi.

Castro, Ristorante "Da Amedeo": linguine allo scoglio.

 

* Tutte le immagini appartengono all’Archivio dell’Ing. Gianni Carluccio e ne è vietato l’utilizzo senza il consenso dell’Autore.

Continua a leggere

Il ritrovamento della Pagella Scolastica di Tito Schipa in 5a Elementare a Lecce, 111 anni fa…

In primo piano

Tito Schipa (indicato con l’asterisco) nella 3a Classe Elementare a Lecce (1900 circa). Tra i Maestri, sulla destra, si riconosce il Direttore della Scuola di Canto, Giovanni Albani. Foto copyright Archivio Schipa – Carluccio.

L’Istituto Scolastico di Lecce, oggi Scuola Elementare "Cesare Battisti", frequentato da Tito Schipa a cavallo fra ‘800 e ‘900 (cortesia Archivio Dott. Aduino Sabato, copyright).

La copertina del Registro giornaliero della 5a Classe Elementare, frequentata da Tito Schipa, appartenuto al Maestro Tommaso Briamo (a.s. 1902-1903). Foto Ing. Gianni Carluccio, copyright – per cortesia della Dirigente Scolastica della Scuola Elementare "Cesare Battisti" di Lecce, Prof.ssa Maria Rosaria Rielli e con il consenso del Maestro Tito Schipa Jr., figlio del tenore leccese.

 

* Tutte le immagini, se non diversamente specificato, appartengono all’Archivio dell’Ing. Gianni Carluccio e ne è vietato l’utilizzo senza il consenso dell’Autore.

Continua a leggere

Vita e Opere di Tito Schipa, Intervista all’Ing. Gianni Carluccio, Responsabile dell’Archivio Schipa – Carluccio, 30.4.2014

In primo piano

 

 

VITA E OPERE DI TITO SCHIPA
Testimone: Gianni Carluccio

Categoria: Arte e cultura
Durata: 32′ 42”
 
Descrizione: Gianni Carluccio, nato a Lecce nel 1952, è ingegnere e grande conoscitore dei personaggi storici leccesi. Il nonno materno Realino è cugino diretto del celebre tenore e attore Tito Schipa. Dal 2000, è Responsabile dell’Archivio Tito Schipa, per volere del figlio Tito Schipa Junior. In questa testimonianza racconta la storia del celebre tenore e attore di origine leccese, conosciuto in tutto il mondo.

Capitoli:
1) 01:43 – Gli esordi e l’inizio del grande successo
2) 12:22 – Il successo internazionale
3) 23:28 – L’ultima fase della carriera e la morte
4) 28:24 – L’archivio storico su Tito Schipa
5) 30:18 – Il museo virtuale dedicato a Tito Schipa

Read More…
# vimeo.com/94540352

* Per vedere il video relativo all’intervista visitare il sito internet:

www.promemorium.org / Arte e Cultura o digitare:

Gianni Carluccio, Promemorium, Vimeo.

L’intervista, datata 30 Aprile 2014, è stata curata da Mattia Epifani e Luciana Lettere di "Promemorium, Video Testimonianze della Memoria Collettiva del Salento" ed è stata finanziata dall’Agenzia Nazionale per i Giovani.