Eccezionali immagini delle Montagne dell’Albania e delle Isole Greche viste da Santa Cesarea Terme e Lecce

In primo piano

 

Sabato 14 Settembre 2013 è stata per me una giornata indimenticabile. Partito da Lecce senza macchina fotografica per l’ultimo giorno di cure termali a Santa Cesarea Terme, come per un presentimento sono tornato indietro ed ho preso la mia Nikon con super-teleobiettivo da 1.000 mm, capace di scrutare molto in lontananza (la porto sempre con me quando mi reco a S. Cesarea, sperando in una buona visilibilità, ma quel giorno, per la fretta, l’avevo dimenticata).

Appena arrivato a Santa Cesarea Terme mi si è presentato uno scenario incredibile! Non era la prima volta, ma stavolta le montagne dell’Albania (i Monti Acrocerauni, alti più di 2.000 metri), l’Isola di Saseno (Sazanit, nella baia di Valona) e le Isole Greche si vedevano benissimo, anche a occhio nudo. Alle spalle dell’Isola di Fanò (Othonoi) si stagliava l’Isola di Corfù (Kerkira), difficile da avvistare e per di più spezzettata in più isolette a causa della curvatura terrestre (per lo stesso motivo anche l’Isola di Saseno appare divisa in due). A sinistra di Fanò l’Isola di Errikousa (Merlera) e a destra Mathrakion (tutte fanno parte delle Isole Ionie).

* Dedico queste immagini al mio amico metereologo Gino Merico, tecnico dell’A.S.I. (Agenzia Spaziale Italiana), che proprio oggi ci ha lasciato.

Ing. Gianni Carluccio, Santa Cesarea Terme, sabato 14 Settembre 2013.

* Tutte le immagini appartengono all’Archivio dell’Ing. Gianni Carluccio e ne è vietata la riproduzione senza il consenso dell’autore.

Continua a leggere