TARANTO, MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE

In primo piano

TARANTO, 23.8.2016 MUSEO NAZIONALE copyright ING. GIANNI CARLUCCIO (1)

Taranto, MarTa. L’Ing. Gianni Carluccio tra lo Zeus di Ugento e la copia della Persefone gaia ritrovata a Taranto (l’originale è conservato a Berlino).

Il Museo Archeologico Nazionale di Taranto (MarTa), inaugurato nel suo allestimento completo il 29 Luglio 2016,  si presenta oggi nella sua affascinante bellezza e straordinaria valenza culturale. Una visita è assolutamente consigliabile, io e mia moglie, che è un’Archeologa e Storica dell’Arte, cercheremo di portare i nostri alunni. Auguri, dunque, alla giovane e brava Direttrice, Dott.ssa Eva Degl’innocenti, che non ha esitato a lasciare un posto sicuro in Bretagna (in una struttura museale da lei creata) per accettare il nuovo prestigioso incarico in uno dei Musei più importanti al mondo! 

TARANTO, 23.8.2016 MUSEO NAZIONALE copyright ING. GIANNI CARLUCCIO (2)

La Sala X del MarTa conserva la ricostruzione della facciata dell’ipogeo delle Cariatidi di Vaste, da me lungamente studiato.TARANTO, 23.8.2016 MUSEO NAZIONALE copyright ING. GIANNI CARLUCCIO (3)

Uno dei meravigliosi prodotti dell’oreficeria Tarantina.

* Tutte le immagini appartengono all’Archivio dell’Ing. Gianni Carluccio e ne è vietato l’utilizzo senza il consenso dell’Autore.

Continua a leggere

PUGLIA ARCHEOLOGICA con Lorenzo Capone

 

"Al caro Gianni con il quale ho "peregrinato" in tutta la regione. Lorenzo 8.2.2012". Questa la gradita dedica dell’amico Editore Lorenzo Capone, apposta sulla nuova edizione della sua "Puglia Archeologica", appena uscita. Si tratta di un volume ricchissimo di belle immagini, tutte da gustare. Grazie Lorenzo!

 

Continua a leggere

Alla scoperta delle tracce del passato di Vaste piccolo paesino del Salento leccese “Porta d’Italia”

In primo piano

 Alla scoperta delle tracce del passato di Vaste piccolo paesino del Salento leccese “Porta d’Italia”. Non potevo certo immaginare che quel 16 ottobre del 1980, giorno in cui rinvenni un importante capitello messapico del VI sec. a.C. (una delle prime sculture in pietra leccese!), avrebbe segnato in maniera così profonda l’avvenire di Vaste, minuscola frazione del Comune di Poggiardo in provincia di Lecce, a pochi passi da Otranto. Fresco di una laurea in ingegneria, dopo il servizio militare ero ritornato nella mia  Lecce “gentile e bella” (come la definisce il celebre tenore Tito Schipa); ma d’estate era la fresca e antica casa dei nonni paterni Continua a leggere